Gazzettino Italiano Patagónico

Allarme di Unicef: ancora troppi giovani a rischio di sfruttamento minorile

Sempre più in crescita il numero dei lavoratori minorenni. Lo denuncia Unicef nel giorno in cui si celebra la Giornata internazionale contro lo sfruttamento del lavoro minorile. Globalmente emerge una situazione preoccupante: 100 milioni i giovani caduti in povertà dall’inizio della pandemia e la crescita del tasso di povertà infantile ha causato un aumento del rischio di lavoro minorile. “Per la prima volta dal 2000 il numero di bambini coinvolti è aumentato fino a raggiungere circa 1 bambino su 10 nel mondo”, dichiara Unicef. Circa la metà di questi bambini, è estremamente giovane ed “è impegnata in lavori pericolosi che possono causare danni fisici ed emotivi”.

Nella Giornata dedicata alla lotta delle pratiche di lavoro giovanili, l’organizzazione che lotta da anni per la tutela e la protezione dei diritti dei bambini, presenta il report statistico dal titolo “Lavoro minorile in Italia: rischi, infortuni e sicurezza sui luoghi di lavoro”. L’indagine è stata realizzata sulla base dei dati dell’Inail e dell’Inps elaborati e, in un secondo momento, dal “Laboratorio di Sanità Pubblica per l’analisi dei bisogni di Salute della Comunità” presso il Dipartimento di Medicina, Chirurgia e Odontoiatria “Scuola Medica Salernitana” dell’Università degli Studi di Salerno. La ricerca conferma l’alto livello di allarme in territorio nazionale: dal 2020 sono aumentati i lavoratori minorenni. Se durante la pandemia se ne contavano circa 243 mila, nel 2021, invece, essi erano all’incirca 310 mila.

Tra questi minori si evidenzia che, solo nel 2021, almeno 193 mila di essi sono maschi, mentre si contano all’incirca 117 mila donne. L’ulteriore differenza di genere emerge circa il grado di istruzione dei giovani sfruttati, dove le donne coinvolte risultano essere più istruite degli uomini. Il 65,3% delle donne, infatti, ha almeno un diploma, rispetto al 60,1% degli uomini; le laureate, invece, arrivano al 23,1% contro il 16,8% degli uomini. In generale, più si abbassa il grado di istruzione, più aumenta l’occupazione minorile, dando vita a un circolo vizioso di povertà e esclusione. L’assenza di un bagaglio culturale profondo rende questi giovani ignari degli infortuni o dei danni fisici e emotivi ai quali vanno incontro. Infine, Unicef mostra che le regioni in Italia più colpite dal fenomeno dello sfruttamento minorile siano la Lombardia, il Veneto, l’Emilia Romagna, il Lazio e la Puglia. In questi luoghi i giovani lavoratori sono impiegati soprattutto in settori come la ristorazione, l’ambito digitale, il commercio, il settore agricolo e i cantieri.

Il fenomeno dell’occupazione giovanile espone i minori a numerosi rischi, tra cui gli infortuni. Tra il 2017 e il 2021 – riporta sempre Unicef – le denunce presentate a livello nazionale per infortunio sono state all’incirca 300 mila, rispetto al 2022 dove ve ne erano state circa 51 mila unità. Gli infortuni con esito mortale per i minorenni sotto i 14 anni sono stati 7, mentre quelli di cui sono state vittime i giovani tra 15 e 19 anni sono stati 67. Oltre che un danno fisico, lo sfruttamento minorile ha una forte incidenza anche sul benessere psicologico di coloro che ne sono coinvolti. Domenico Della Porta, coordinatore dell’Osservatorio Unicef per la prevenzione dei danni alla salute da lavoro minorile, sottolinea che tra i possibili motivi di una maggiore influenza tra i giovani degli infortuni occupazionali e dei problemi di salute individuati, secondo l’Eu-Osha, ci sono la mancanza di esperienza e l’immaturità dal punto di vista fisico e psicologico. Giocano un ruolo importante la non consapevolezza della propria salute e della propria sicurezza, a cui si aggiunge la negligenza dei datori di lavoro, che non forniscono un’appropriata formazione, supervisione e le necessarie salvaguardie per rendere le condizioni di lavoro più appropriate ai giovani”.

L’Unicef, già durante la pandemia, ha realizzato e ampliato dei programmi di aiuti per i bambini in difficoltà e le loro famiglie. “Sappiamo che la strada migliore per prevenire il lavoro minorile è investire in programmi di protezione sociale che possono aiutare le famiglie a superare le crisi”, ha dichiarato Catherine Russell, direttore generale dell’organizzazione, in occasione della celebrazione della Giornata. “Dal momento che per molte famiglie si trovano in situazioni di difficoltà e instabilità economica, per la maggior parte di loro, far lavorare un bambino è l’ultima scelta – che viene fatta solo quando non ci sono altre possibilità di sopravvivenza”. Di conseguenza, i programmi di protezione sociale – ancora troppo poco accessibili – devono agire proprio su questa vulnerabilità. “Non dovremmo mai accettare il lavoro minorile come inevitabile. Abbiamo il potere di cambiare tutto questo e il modo migliore per celebrare la Giornata mondiale contro il lavoro minorile è usare questo potere” ha concluso il direttore Russell.

A maggio 2022, Papa Francesco, in un messaggio rivolto alla conferenza di Durban dell’Organizzazione internazionale del lavoro, ha sottolineato che esistono ancora “troppe piccole mani” costrette a fare ciò che nessun bambino dovrebbe, venendo privato “della gioia della loro giovinezza e della loro dignità donata da Dio”. Questa è una pratica che deve essere fermata perché “è negazione del diritto dei bambini alla salute, all’istruzione, a una crescita armoniosa” che “comprende anche la possibilità di giocare e di sognare. Questo è tragico. Un bambino che non può sognare, che non può giocare, non può crescere”. Stessa attenzione verso la categoria emerge dal Tweet del Pontefice sul suo account @Pontifex, da dove ha lanciato un chiaro appello alla comunità perchè “tanti bambini, anziché ricevere una degna istruzione, vengono sfruttati, sottoposti a lavori schiavizzanti. Non si risparmino sforzi per porre fine alla piaga del lavoro minorile! I bambini sono la speranza: non permettiamo che venga cancellata!”.

Layla Perroni

Te esperamos en Buenos aires Sur 750, Plottier, Neuquén

📍Buenos Aires 326- Neuquén 📍Alem 853 – Cipolletti 🕢 Horario de atención en Cipo: Lunes a Viernes de 10 a 13 y de 16:30 hasta que no haya más pan! 🕢Horario de atención en Neuquén: Lunes a Viernes de 10 a 14 y de 16 hasta que no haya más pan! Sábados de 10 a 13 únicamente (en los dos locales)

Clases de Italiano con Nino Amato

Junto al Gazzettino GDS radio

Radio En vivo

Seguí al Gazzettino

A %d blogueros les gusta esto: