Gazzettino Italiano Patagónico

Cina: si impennano i contagi per covid e scoppiano le proteste

Pechino ha annunciato nei giorni scorsi la correzione della controversa strategia dello “zero-Covid” basata su lockdown, test di massa e quarantena, sebbene la rapida diffusione di varianti molto contagiose ha messo le amministrazioni locali in gravi difficoltà. Il popolo scoppia in disordini diffusi.

Verso chiusure sempre più rigide

Sono 49 le città cinesi interessate da vari gradi di restrizioni, pari a quasi un terzo della popolazione. A livello economico le ripercussioni riguardano oltre il 20% del Pil. Da oggi, dunque, Shanghai – una delle meno toccate dalle infezioni – ha iniziato a vietare ai visitatori una serie di luoghi; nella capitale, che ha segnato in questo mese 10 mila contagi, disposte chiusure sempre più rigide perché la “fase è ritenuta più complicata e grave”. Ningbo, popolare località turistica, ha messo fuori legge i viaggi interprovinciali. Manca la necessaria immunità e il sistema sanitario cinese non potrebbe reggere. 

Frequenti e dure proteste

Le misure, ancora rigorose, sono motivo di frustrazione diffusa a quasi tre anni dall’inizio della pandemia: disordini e proteste sono scoppiati con più frequenza, da Lhasa a Guangzhou (dove milioni di persone sono in isolamento), fino agli scontri violenti tra la polizia e i lavoratori della più grande fabbrica della Foxconn di assemblaggio degli iPhone di Apple, a Zhengzhou. Un post online, diventato virale, ha invitato la Commissione sanitaria nazionale a spiegare la logica di alcune delle sue politiche: “Su cosa si basa il nostro modello?”, chiedeva il post moltiplicando le visualizzazioni prima di essere oscurato. “Perché dobbiamo controllare una variante che non è mortale. Se non possiamo eliminare il virus, quale costo dobbiamo pagare per attuare la politica zero-Covid?”.

Ema: timori in Europa per le sottovarianti Omicron

Ma anche in Europa – dove pure non si sono registrati aumenti significativi di casi – ci sono timori per le nuove sottovarianti Omicron emergenti, che pare stiano sfuggendo alla neutralizzazione da parte di farmaci con anticorpali monoclonali attualmente disponibili, come ha avvertito Marco Cavaleri, responsabile della strategia vaccinale dell’Agenzia europea del farmaco. Il suo monito è aumentare i tassi di rivaccinazioni per le persone maggiormente in pericolo. In Italia continua la risalita della curva Covid. Secondo i dati del report Covid basati sul monitoraggio della Cabina di regia ministero della Salute e Istituto superiore di sanità, sale l’incidenza settimanale a livello nazionale: 388 ogni 100mila abitanti (18-24 novembre contro 353 ogni 100mila abitanti (11-17 novembre). Sale anche l’incremento dell’indice Rt di trasmissibilità del virus e delle ospedalizzazioni. Restano stabili invece le terapie intensive occupate.

Maria Anzalone

Te esperamos en Buenos aires Sur 750, Plottier, Neuquén

📍Buenos Aires 326- Neuquén 📍Alem 853 – Cipolletti 🕢 Horario de atención en Cipo: Lunes a Viernes de 10 a 13 y de 16:30 hasta que no haya más pan! 🕢Horario de atención en Neuquén: Lunes a Viernes de 10 a 14 y de 16 hasta que no haya más pan! Sábados de 10 a 13 únicamente (en los dos locales)

Clases de Italiano con Nino Amato

Junto al Gazzettino GDS radio

Radio En vivo

Seguí al Gazzettino

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
WhatsApp
A %d blogueros les gusta esto: