Forum “Goal 17” di Davos: Chiesa come “attore globale di solidarietà”

Forum “Goal 17” di Davos: Chiesa come “attore globale di solidarietà”

26 mayo, 2022 Off By Gazzettino Italiano Patagónico

La partecipazione di comunità religiose al Forum economico mondiale di Davos è stata una novità.  Nell’ambito del cosiddetto “Sisters Project”, al quale partecipano delle religiose, si è discusso per diversi giorni con economisti e politici. Marta Guglielmetti, direttore esecutivo dell’alleanza solidale “Global Solidarity Fund”, è stata tra i promotori della partecipazione delle religiose al Forum economico mondiale. “È importante ed è giusto che proprio le religiose – ha affermato – possano incontrare qui personaggi di spicco e parlare con loro dei problemi globali”.

“Portiamo a casa una bellissima esperienza di partnership di ascolto reciproco. Il portare persone –  spiega Guglielmetti – che non sono le solite che vengono qui a Davos e che sono la voce delle persone più ai margini della società, è stata un’operazione vincente, perché veramente ha sollevato l’attenzione di diversi Ceo presenti qui a Davos quest’anno e direi che è stata non soltanto l’innovazione di portare le esperienze delle suore e dei Frati e quindi, tramite loro, i più poveri nel mondo, ma vicente è stato anche il momento, il fatto di averle portate , queste persone, in questa edizione di Davos, che è stata particolarmente interessante. Girando per le strade per i vari eventi qui, veramente si percepisce la volontà del settore privato di trovare risposte su come possano avere un impatto maggiore sulle società in cui operano e un impatto che abbia un effetto di inclusione sociale e anche di attenzione all’ambiente e al cambiamento climatico.Le risposte che sono state date qui non sono risposte che cambiano le cose da un giorno all’altro, ma hanno ispirato queste persone a considerare diversamente il loro percorso e a inserire nuove idee anche ambiziose e innovative”

Le reazioni sul ruolo della Chiesa cattolica

Da parte dei rappresentanti dell’economia sono stati espressi numerosi apprezzamenti per l’impegno della Chiesa cattolica come “attore globale di solidarietà”, come ha detto durante il Forum “Goal 17” l’amministratore delegato della multinazionale Unilever Alan Jope, che ha promesso un maggiore impegno per la solidarietà globale. È importante, secondo Jope, che le multinazionali e le grandi imprese si assumano la loro parte di responsabilità e s’impegnino per un mondo migliore. In collaborazione con la Conrad N. Hilton Foundation, martedì, a conclusione del Forum “Goal 17” si è svolta una tavola rotonda. La domanda al centro del dibattito è stata quanto dovrebbero essere “coraggiosi” i personaggi leader per aiutare coloro che sono ai margini della società. Ci sono circa un milione di suore, religiosi e sacerdoti che s’impegnano per i più deboli in tutto il mondo, ha spiegato Guglielmetti. Tra i bisognosi ci sono soprattutto i migranti, i profughi e le persone internamente dislocate. Assisterli significa “incarnare una guida coraggiosa, di cui abbiamo bisogno per la ripresa globale dopo la pandemia”, ha affermato Guglielmetti. Nel frattempo le religiose del “Sisters Project” hanno lasciato Davos, mentre i colloqui proseguiranno fino a giovedì.

Mario Galgano