ALLA SCOPERTA DI BRESCIA TRA VINO E CULTURA

ALLA SCOPERTA DI BRESCIA TRA VINO E CULTURA

6 septiembre, 2021 Off By Gazzettino Italiano Patagónico

IL PREMIO NAZIONALE LETTERARIO E DI CULTURA FRANCIACORTA

Brescia, la tappa necessaria ai turisti italo brasiliani ha ospitato la seconda Edizione del Premio Nazionale Letterario e di Cultura Franciacorta.

La Brixia Romana offre un ampio ventaglio di opportunità a tutti coloro che amano l’arte e la cultura con una ricca programmazione .Per i turisti italo brasiliani è possibile organizzare un tour  partendo dal Brasile- Fortaleza o altre zone all’insegna del bello della Franciacorta. La terra madre dei bresciani,uno dei territori più rinomati per la produzione di vini d’eccellenza con centinaia di appuntamenti. La Franciacorta un’area di circa 200 chilometri quadrati con diciannove comuni  sicuramente è la destinazione perfetta  per trascorrere una giornata nella natura,tra buon vino, bei paesaggi e dove scattare una marea di stupende fotografie. La terra del prezioso Bollicine  Franciacorta, Metodo Classico a cui il nome, é fra le zone italiane più amate dagli enoturisti e che ospita  il suo Premio Letterario e di Cultura. Quest’anno,la seconda edizione  realizzata sabato,04 Settembre alle 15.30 presso il Castello di Bornato dedicata alla memoria di Alessandro Bianchi(storico produttore franciacortino)patron della Cantina Villa Franciacorta.Madrina della manifestazione é Pia Donata Berlucchi dell’Azienda Fratelli Berlucchi Srl. La cerimonia è iniziata  con il saluto delle autorità ,del Commissario Straordinario dott. Stefano Simione e la presentazione  insieme all’autrice Sveva Casati Modignani del libro -La Vigna di Angelica romanzo ambientato a Borgonato. Di seguito é stato presentato il romanzo storico Congiure in Franciacorta ,sono intervenuti il sindaco di Brescia Emilio Del Bono,Eugenio Massetti e Alberto Fossadri. L’evento é stato patrocinato dal Comune di Cazzago San Martino,della Pro Loco di Cazzago San Martino,Provincia di Brescia e l’Ass. Di Comuni terra della Franciacorta. Una bellissima iniziativa con presentazioni,intermezzi musicali,visita all’esposizione di abiti d’epoca,desgustazione di Franciacorta in abbinamento a prodotti tipici. Organizzata con passione ed efficienza da Mariuccia Ambrosini,una leadership del mondo del vino con esperienza di lungo periodo , protagonista per la sua tenuta franciacortina in collaborazione con le cantine partnership “eccellenze lombarde”con cui realizza le sue iniziative. Un’ appuntamento davvero speciale per condividere la passione e la conoscenza del territorio bresciano con emozioni e sensazioni uniche.

IL CASTELLO DI BORNATO E LA SUA STORICA CANTINA L’evento un’occasione dedicata alla conoscenza del territorio dal punto di vista culturale,letterario ma soprattutto  una splendida opportunità per conoscere un luogo incantevole il Castello di Bornato, la sua storica cantina,una delle più antiche dimore storiche della Franciacorta, villa rinascimentale costruita all’interno di un castello medievale,una villa di produzione vinicola di grande fascino. Azienda agricola del Castello di Bornato gestito da 30 anni da Luisa Orlando,una delle prime donne del vino della Franciacorta. Le sue colline sono punteggiate da borghi e castelli,abbazie,ville patrizie e prestigiose cantine sulle sponde del lago d’Iseo. La posizione panoramica,il paesaggio della dimora fanno da sfondo e palcoscenico a una storia lunghissima,tradizionale,originale e unica che merita di essere raccontata. Nelle antiche cantine ubicate sotto la torre principale del castello,per 700 anni si è prodotto il vino del Catello di Bornato, fino ai primi anni 2000.Nella zona sotterranea,le botti presenti in rovere hanno più di 50 anni e ospitavano il vino rosso.

Esprimiamo grande soddisfazione per l’invito.

Non rimane che dare appuntamento a tutti per il prossimo anno, sarà la terza edizione del Premio Nazionale Letterario e di Cultura Franciacorta. Vi assicuriamo che sarà una meravigliosa  e incantevole giornata dedicata alla scoperta di Brescia e il suo territorio.

Sandra Bandeira Nolli.