Audizione domani di  Paolo Gentiloni nell’Aula dei Gruppi Parlamentari

Audizione domani di Paolo Gentiloni nell’Aula dei Gruppi Parlamentari

10 noviembre, 2020 Off By Gazzettino Italiano Patagónico


Martedì 10 novembre, alle ore 11.30, alla Commissione Esteri, presso la Nuova Aula dei Gruppi parlamentari, si terrà l’audizione del Commissario europeo, Paolo Gentiloni Silveri in merito all’indagine conoscitiva sull’azione internazionale dell’Italia per l’attuazione della “Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile: l’efficacia del quadro normativo nazionale e del sistema italiano di cooperazione”. L’audizione, nel rispetto delle norme di sicurezza anti-Covid, di svolgerà in videoconferenza. Tra gli obiettivi che dovranno rientrare nel crono-programma italiano per allinearsi con le linee guide indicate dall’Unione Europea, c’è la necessità di ridurre in modo sostanziale la produzione di rifiuti attraverso la prevenzione, riduzione, riciclaggio e riutilizzo rendendo sempre più concreta la diminuzione dei rifiuti in discarica. Nei goal indicati dall’UE c’è l’incoraggiamento delle imprese ad adottare pratiche sostenibili ed integrare, nel caso delle grandi società transnazionali, di integrare le informazioni di sostenibilità nelle loro relazioni periodiche. “Sono obiettivi su cui da tempo si sta discutendo – osserva il presidente dell’Associazione nazionale dei riciclatori di materie plastiche (Assorimap), Walter Regis – ma siamo in forte ritardo come ha fatto notare di recente la Corte dei Conti europea. Sono pochi i paesi membri dell’Unione che hanno attivato politiche di incentivi e sostegno alle aziende che operano nel settore del riciclo e tra queste c’è anche un ritardo dell’Italia. C’è un segnale che deve essere colto – continua Regis – che è il superamento dell’inutile slogan Plastic Free con l’introduzione del più politicamente corretto ‘waste plastic free’ o vantaggi per chi utilizza un’alta percentuale di contenuto riciclato nella produzione. Sono questi i meccanismi premianti che devono essere introdotti per raggiungere gli obiettivi. Spero – conclude Regis – che il Commissario Gentiloni, nella sua audizione, voglia indicare questa strada maestra al nostro Governo”.
Tito Grandi