Nissoli (FI) e Fantetti (Maie): l’Inps riconsideri le sue decisioni sull’accertamento esistenza in vita dei pensionati italiani all’estero sospendendolo!

Nissoli (FI) e Fantetti (Maie): l’Inps riconsideri le sue decisioni sull’accertamento esistenza in vita dei pensionati italiani all’estero sospendendolo!

24 octubre, 2020 Off By Gazzettino Italiano Patagónico


 “Il Direttore Generale dell’Inps ha risposto alla nostra richiesta di valutare la possibilità di rinviare i termini della certificazione dell’esistenza in vita fino al superamento della situazione di crisi sanitaria in maniera che possa essere effettuata in sicurezza per tutti i soggetti coinvolti. Un risposta insoddisfacente in quanto non prende in carico le esigenze che abbiamo rappresentato e si limita, dopo aver elencato tutto il lavoro svolto dall’INPS, fino ad ora, per far fronte all’emergenza Covid, a rilevare che i pensionati hanno 4 mesi di tempo per adempiere l’obbligo della certificazione di esistenza in vita. Auspichiamo che l’Inps, anche in considerazione del crescente aumento dei contagi a livello globale, possa riconsiderare le sue decisioni e accogliere la nostra richiesta che è la richiesta dei pensionati italiani all’estero.”
Gianni Lattanzio