Iniziata la quarantena al Celio per gli otto italiani

Iniziata la quarantena al Celio per gli otto italiani

10 febrero, 2020 Off By Gazzettino Italiano Patagónico


Sono ora all’ospedale militare del Celio a Roma, gli otto italiani che erano stati imbarcati su un aero militare inglese da Wuhan e trasbordati in tarda mattinata su un aereo militare italiano che è atterrato a Pratica di Mare. Un pullman della Difesa li ha condotti sino al policlinico del Celio dove inizieranno la quarantena. Tra gli otto italiani ci sono anche due neonati, un bimbo e una bimba nati nel 2019. I due piccoli sono con le proprie madri. La bimba aveva avuto la febbre nei giorni scorsi. “Sono in buona condizione di salute, nessuno ha rappresentato sintomi. Siamo contenti perché all’inizio c’era una bambina che sembrava avesse febbre, ma poi non era nulla e ha potuto viaggiare senza alcun problema. Sono uomini, donne e due bimbi molto piccoli” ha detto Stefano Verrecchia, il capo dell’unità di crisi della Farnesina. Tra loro non c’è lo studente 17enne di Grado, già bloccato lunedì per la febbre rilevata ai controlli medici che gli ha impedito di prendere il volo dell’unità di crisi della Farnesina con altri 56 italiani. Il giovane ha qualche linea di febbre e di conseguenza non è stato imbarcato. “Purtroppo Niccolò, il ragazzo italiano di 17 anni che si trova a Wuhan, in Cina, oggi ha registrato ancora un po’ di febbre e – malgrado sia risultato negativo ai test del Coronavirus per già due volte – non è potuto rientrare n Italia. Ho appena sentito la sua famiglia al telefono per rassicurarla del fatto che gli sarà dato tutto il supporto necessario. Ho sentito persone forti che chiedono solo di riabbracciare il proprio figlio”, ha scritto su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
Mario Abate