Gazzettino Italiano Patagónico

La preghiera di "guerra" contro gli USA della Guida Suprema


L’ayatollah Ali Khamenei, la Guida Suprema dell’Iran ha iniziato il suo discorso, nella preghiera del venerdì, definendo l’uccisione del generale Soleimani, un atto “codardo, senza affrontarlo sul campo di battaglia” e definendo Donald Trump “un clown che “conficcherà un pugnale velenoso” nella schiena della nazione. Poi attacca Francia, Gran Bretagna e Germania sul nucleare: “Fanno gli interessi degli Usa”.  Il sermone della Guida suprema, dunque, a otto anni di distanza torna a guidare la preghiera sacra del venerdì a Teheran. Migliaia di persone si sono riversate in strada per raggiungere la moschea dove Khamenei ha tenuto il suo discorso impregnato di politica e della consueta retorica antiamericana, con le forze di sicurezza schierate per cercare di indirizzare le persone ed evitare incidenti collegati. “Nelle ultime due settimane ci sono state giornate amare e dolci, un punto di svolta nella storia – ha detto Khamenei – I due grandi avvenimenti dei funerali del generale Qassem Soleimani e del giorno in cui l’Iran ha attaccato le basi Usa sono stati ‘Giorni di Allah’. I due episodi, miracoli delle mani di Allah, hanno mostrato il potere di una Nazione che ha dato uno schiaffo in faccia agli Usa e che la volontà di Allah è continuare il cammino e conquistare la vittoria”. In tutto il suo discorso, la Guida Suprema ricollega le azioni e le rappresaglie iraniane, dopo l’uccisione del generale Soleimani nel raid statunitense, alla volontà divina e definisce “codardi” i militari di Washington che “non sono stati in grado di affrontare direttamente” il capo delle Forze Quds delle Guardie della Rivoluzione, “pagliacci che hanno assassinato in modo codardo e non sul campo di battaglia il comandante più forte nella lotta contro il terrorismo”. La risposta all’America, però, “non è stata solo una mossa militare efficace, ma nei fatti è stata un colpo agli Stati Uniti come superpotenza. La resistenza nella regione aveva in precedenza inflitto colpi agli Stati Uniti in Siria, Iraq, Libano e Afghanistan, ma l’attacco alle basi Usa è stato più importante e irreparabile”. Risposta che, secondo le ultime rivelazioni del Pentagono, ha causato il ferimento di 11 soldati statunitensi.
Mario Fabozzi

Te esperamos en Buenos aires Sur 750, Plottier, Neuquén

📍Buenos Aires 326- Neuquén 📍Alem 853 – Cipolletti 🕢 Horario de atención en Cipo: Lunes a Viernes de 10 a 13 y de 16:30 hasta que no haya más pan! 🕢Horario de atención en Neuquén: Lunes a Viernes de 10 a 14 y de 16 hasta que no haya más pan! Sábados de 10 a 13 únicamente (en los dos locales)

Clases de Italiano con Nino Amato

Junto al Gazzettino GDS radio

Radio En vivo

Seguí al Gazzettino

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
WhatsApp
A %d blogueros les gusta esto: