1 marzo, 2024


Un incontro proficuo e cordiale quello tra Angela Merkel e Vladimir Putin, come lo hanno definito fonti vicino alla cancelliera tedesca. Oggetto dell’incontro, la questione Libia. “Spero  che i nostri sforzi comuni servano a evitare scenari peggiori”. Pur sottolineando che in Libia il conflitto militare “è un fatto”, il presidente russo Vladimir Putin vuole trovare “una soluzione politica” per una delle crisi “più rilevanti per i riflessi negativi che può avere sull’Europa” in termini di immigrazione e “traffico di armi e di droga”. Il capo del Cremlino ha aggiunto di “sperare” che il cessate il fuoco in Libia invocato già nei scorsi giorni insieme al presidente turco Erdogan “arrivi a mezzanotte”. E da lì, questo il senso della conferenza stampa con la cancelliera tedesca Angela Merkel, potrà partire il processo di pace che passerà attraverso la sospirata Conferenza di Berlino, che dal faccia a faccia russo-tedesco sembra aver ricevuto un’accelerazione. Quanto ai mercenari russi del famoso Wagner group che combattono in Libia, Putin ha sottolineato che “non sono pagati dalla Russia e non rappresentano la Russia” e ha precisato che “molti mercenari vengono da Idlib”, in Siria.
Pietro Valsecchi