Gazzettino Italiano Patagónico

L'Italia finisce davanti alla Corte Ue

  • 4.800 euro per risarcire uno stupro non sono una somma adeguata
  • Il fatto risale al 2005

L’ Italia è sotto processo in una  causa pilota partita da Torino: il nostro stato ritiene legittimo  risarcire uno stupro con 4.800 euro. Il caso risale al  2005, quando una  18enne è stata  sequestrata e violentata in un casale della Valsusa venendo poi lasciata libera dagli stupratori, che hanno fatto perdere le loro tracce. Dall’Italia le è stato riconosciuto un indennizzo ridicolo: 4.800 euro di risarcimento per i quali la  Cassazione ha domandato l’intervento della Corte UE, che si pronuncerà per la prima volta su questa materia il prossimo  2 marzo.
Stupro risolto con 4.800 euro: il caso
La triste storia di cronaca che ancora non ha avuto fine riguarda una giovane che è stata  violentata nel 2005. A  quasi 15 anni dall’accaduto quella che ormai è una donna si è vista risarcire dallo Stato Italiano una  somma ridicola e offensiva per rimediare a una vita rovinata. I  colpevoli sono due  connazionali che, nell’ottobre 2005, l’avevano vista ballare in  discoteca e avevano deciso di rapirla. Uscita dal locale in compagnia di due amici, lungo la strada i tre sono stati affiancati da un furgone che li ha costretti a fermarsi tagliando loro la strada. I colpevoli sono scesi da quel camioncino e hanno prelevato con la forza la giovane portandola con loro. Gli amici hanno provate a fermarli ma non è bastato. Inseguendoli in macchina mentre chiamavano le forze dell’ordine hanno  perso le loro tracce. Portata in un casolare della Valsusa, la ragazza è stata  percossa e violentata tutta la notte per poi essere rilasciata la mattina seguente. I colpevoli sono stati  identificati ma hanno fatto perdere le loro tracce. Condannati in contumacia a 10 anni, non hanno mai risarcito la vittima.
Vittima di stupro fa caso allo Stato
La vittima di questo terribile episodio ha deciso di fare causa allo Stato Italiano, che verrà giudicato dalla Corte Europea. La causa pilota verrà discussa il prossimo 2 marzo a partire dalla  direttiva europea del 2004 secondo cui gli  stati membri dovevano  creare un sistema di indennizzo per le vittime internazionali di reati violenti commessi nel loro territorio allo scopo di  risarcire adeguatamente la vittima. Secondo tale direttiva, come sostengono la vittima e i suoi avvocati, l’Italia le avrebbe dovuto garantire un indennizzo adeguato ed equo, anche considerato che l’identità dei violentatori è rimasta sconosciuta. Vari palleggi tra il Tribunale di Torino e il Governo, che ha fatto appello nel 2012, hanno fatto sì che  dei 50.000 euro riconosciuti alla vittima rimanessero solo 4.800 euro. Questa cifra è quella prevista dal nostro paese, l’ importo fisso con cui si risarcisce lo stupro.
Dalla Cassazione alla Corte di Giustizia
Dopo una serie di infiniti rinvii la questione è stata  rimessa alla Corte di Giustizia. Tocca a loro stabilire se gli indennizzi riconosciuti dal nostro stato per questo e altri casi di stupro sono adeguati secondo la normativa europea del 2004. In merito la  Cassazione ha affermato il suo punto di vista: sono somme ” irrisorie” e ” palesemente non eque“. Con la  legge di bilancio del 30 dicembre 2018 il governo dell’epoca ha  confermato il quadro normativo: per lo Stato questa cifra è sufficiente per soddisfare le pretese delle vittime. A processo gli  avvocati della vittima affermeranno, invece, che l’Italia e il suo sistema legislativo in merito non hanno rimediato in nessun modo, parlando di ” elemosine di Stato” per ottenere le quali la strada è ” irta di ostacoli assurdi e vessatori“.
 Ilaria Roncone

Te esperamos en Buenos aires Sur 750, Plottier, Neuquén

📍Buenos Aires 326- Neuquén 📍Alem 853 – Cipolletti 🕢 Horario de atención en Cipo: Lunes a Viernes de 10 a 13 y de 16:30 hasta que no haya más pan! 🕢Horario de atención en Neuquén: Lunes a Viernes de 10 a 14 y de 16 hasta que no haya más pan! Sábados de 10 a 13 únicamente (en los dos locales)

Clases de Italiano con Nino Amato

Junto al Gazzettino GDS radio

Radio En vivo

Seguí al Gazzettino

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
WhatsApp
A %d blogueros les gusta esto: