1 marzo, 2024

Andrea Fiorentino

Una foto postata sui canali social per scatenare la gioia dei fan dei 24 Grana. Un’immagine emblematica, con i quattro immortalati uno accanto all’altro a Londra nella mitica Abbey Road, in prossimità degli Abbey Road Studios, creati nel 1931 dalla EMI e situati nell’omonima strada. La storia di Francesco ‘Ciccio’ Di Bella, Renato Minale, Armando Cotugno e Giuseppe Fontanella, iniziata nell’epopea d’oro delle posse e dei centri sociali, aveva subito un brusco arresto intorno al 2011, anno d’uscita de «La stessa barca», album che sanciva il distacco tra i membri della band, con il leader Di Bella alla prese con una prolifica carriera solista. A chi vive intensamente la propria esistenza sarà capitato di trovarsi di fronte a situazioni in cui la porta di fronte a loro era socchiusa. La vita oscilla eternamente tra l’andare e il venire, tra il lasciar andare o il volere che qualcosa o qualcuno rimanga sospeso. «Nella vita può capitare di tutto. Può capitare che inizi un viaggio bellissimo che dura anni ed anni e poi capita che questo viaggio si interrompa, perché, diciamocelo, alla fine le convivenze lunghe non sono mai facili. È stato giusto così, a volte la vita ti porta a dedicarti ad altre cose, diventa necessario anche guardare il proprio mondo da un’altra prospettiva. E capita poi di ritrovarsi, di guardarsi di nuovo negli occhi, ed è come se quel viaggio non si fosse mai fermato. Ha solo cambiato forma. Ed eccoci qui, tutti e quattro raccolti, negli studi di Abbey Road a Londra, mentre ascoltiamo il singolo che abbiamo appena finito di registrare, la settimana scorsa. Il viaggio è ripreso e chissà questa volta dove ci porterà. A presto!» Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi. E poi ritornano.