Gazzettino Italiano Patagónico
October 10, 2019, Washington, District of Columbia, USA: United States President Donald J. Trump takes questions from the media as he prepares to depart the South Lawn of the White House in Washington, DC to deliver remarks at a Keep America Great Rally in Minneapolis, Minnesota on Thursday, October 10, 2019 (Credit Image: © Ron Sachs/CNP via ZUMA Wire)

Donald Trump minaccia «sanzioni molto dure»


  • L’11 ottobre una postazione americana è stata evacuata dopo essere finita sotto il fuoco di artiglieria turco
  • Secondo Brett McGurck «non è stato un errore»

Il bombardamento delle postazioni statunitensi nella zona di Kobane da parte delle truppe di Erdogan «non è stato un errore». Sebbene Ankara non abbia ancora risposto alle richieste di chiarimento fatte dagli Usa, alcuni funzionari americani hanno dichiarato al Washington Post che il bombardamento potrebbe essere parte di una precisa strategia. I turchi erano a conoscenza della presenza americana nelle vicinanze del luogo bombardato nel nord est della Siria: a crederlo sono alcuni funzionari americani intervistati dal Washington Post, secondo cui l’attacco, che ha incluso anche colpi di artiglieria, avesse la chiara intenzione di allontanare le truppe statunitensi dal confine. A dirlo chiaro e tondo è in particolare Brett McGurck, inviato speciale di Barack Obama prima e Donald Trump poi nella campagna contro l’Isis: «Non è stato un errore. – ha dichiarato al Washington Post parlando dell’attacco all’avamposto americano – La Turchia ci vuole lontano dalla regione del confine. Sulla base dei fatti disponibili, i colpi sparati erano un avvertimento a una postazione nota, non colpi sparati inavvertitamente». Secondo il Washington Post, la situazione sarebbe ancora più complessa di quanto sembri, e parla di una relazione americana consegnata ai turchi con le posizioni di tutte le truppe statunitensi. Militari che «non possono restare in Siria per altri 15 anni » ha dichiarato Donald Trump, che le truppe non posso continuare in eterno a controllare «il confine con la Turchia quando non riusciamo a controllare il nostro». Il presidente ha anche ribadito di aver «detto chiaramente alla Turchia che se non manterranno gli impegni, inclusa la tutela delle minoranze religiose, imporremo sanzioni molti dure».
Gaia Mellone

Te esperamos en Buenos aires Sur 750, Plottier, Neuquén

📍Buenos Aires 326- Neuquén 📍Alem 853 – Cipolletti 🕢 Horario de atención en Cipo: Lunes a Viernes de 10 a 13 y de 16:30 hasta que no haya más pan! 🕢Horario de atención en Neuquén: Lunes a Viernes de 10 a 14 y de 16 hasta que no haya más pan! Sábados de 10 a 13 únicamente (en los dos locales)

Clases de Italiano con Nino Amato

Junto al Gazzettino GDS radio

Radio En vivo

Seguí al Gazzettino

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
WhatsApp
A %d blogueros les gusta esto: