Gazzettino Italiano Patagónico
31 January 2019, Japan, Fukushima: Two employees of the operating company Tepco stand in front of huge tanks in which irradiated water from the continuous cooling of the damaged Fukushima reactors is stored. In the meantime, the quantity has accumulated to 1.1 million tonnes, and space is slowly running out for further tanks. One of the options currently under consideration would be to discharge the weakly radiating water into the sea after further purification for radioactive particles. On 11 March 2011, the Fukushima Daiichi power plant suffered a super Gau following an earthquake and tsunami. (to dpa "Operator sees progress in nuclear ruin Fukushima" from 31.01.2019) Photo: Lars Nicolaysen/dpa

I vertici Tepco assolti per il disastro nucleare di Fukushima


I vertici di Tepco (Tokyo Electric Power Company Holdings) sono stati giudicati non responsabili della mancata prevenzione delle strutture della centrale nucleare di Fukushima dopo il disastro dell’11 marzo 2011. I tre imputati,  l’ex presidente Tsunehisa Katsumata e gli ex vice presidenti Sakae Muto e Ichiro Takekuro, erano stati citati in giudizio nel 2017 e dopo meno di due anni sono stati valutati non colpevoli. Le accuse contro i tre ex dirigenti Tepco si basavano sul concetto di ‘precauzione’ atta a evitare disastri come quello accaduto, poi, a Fukushima in quella triste data dell’11 marzo 2011 che ha ricordato molto da vicino – ma con un impatto più contenuto, nonostante la gravita dell’accaduto – quanto accaduto a Chernobyl nel 1986. Secondo la procura, infatti, i dirigenti non avevano adottato misure preventive per evitare il disastro nucleare, nonostante il parere di molti esperti sulle criticità che potevano derivare da un terremoto e da uno tsunami. Cosa che poi è accaduta l’11 marzo di otto anni fa, provocando quel grave incidente alla centrale di Fukushima. Prima la violenta scossa  di magnitudo 9 che ha fatto tremare il Giappone, poi l’onda altissima che ha colpito gli impianti provocando una tragedia che, secondo l’accusa, poteva essere evitata grazie alla prevenzione. Ma per i giudici della Corte distrettuale di Tokyo, gli ex dirigenti non sono colpevoli di negligenza e quindi è decaduto tutto l’impianto accusatorio nei loro confronti.
Le 44 persone morte per l’incidente
Nel corso del processo, infatti, i tre si sono sempre dichiarati innocenti avvalendosi del fatto che i terremoti non possano essere previsti e – di conseguenza – neanche gli Tsunami. Se condannati, per quell’accusa, avrebbero rischiato circa cinque anni di carcere. Ricordiamo che l’incidente alla centrale nucleare di Fukushima provocò la morte di 44 persone.
Enzo Boldi

Te esperamos en Buenos aires Sur 750, Plottier, Neuquén

📍Buenos Aires 326- Neuquén 📍Alem 853 – Cipolletti 🕢 Horario de atención en Cipo: Lunes a Viernes de 10 a 13 y de 16:30 hasta que no haya más pan! 🕢Horario de atención en Neuquén: Lunes a Viernes de 10 a 14 y de 16 hasta que no haya más pan! Sábados de 10 a 13 únicamente (en los dos locales)

Clases de Italiano con Nino Amato

Junto al Gazzettino GDS radio

Radio En vivo

Seguí al Gazzettino

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
WhatsApp
A %d blogueros les gusta esto: