La Rai ha aperto un procedimento disciplinare contro Fabio Sanfilippo

La Rai ha aperto un procedimento disciplinare contro Fabio Sanfilippo

8 septiembre, 2019 Off By Gazzettino Italiano Patagónico


  • Il giornalista è sotto accusa per un post contro Matteo Salvini
  • Sanfilippo è criticato soprattutto per aver coinvolto la figlia dell’ex ministro

«Le affermazioni pubblicate dal caporedattore di Rai Radio1, Fabio Sanfilippo, sul proprio profilo Facebook sono molto gravi e il procedimento disciplinare avviato dalla Rai appare senz’altro doveroso». Così Alberto Barachini, presidente della Commissione di Vigilanza Rai, commenta le polemiche  nate intorno al post pubblicato da un suo giornalista – Sanfilippo appunto – e rivolto al leader della Lega. Ad essere criticati sono soprattutto due passaggi, quando il giornalista scrive  rivolto a Salvini: «tempo sei mesi e ti spari», e quando tira in ballo la figlia dell’ex ministro dell’Interno.
Ecco cosa aveva scritto Sanfilippo nel suo post poi cancellato da Facebook
Lo scorso 4 settembre il caporedattore di Rai Radio 1 aveva commentato così la nascita del nuovo esecutivo: «Caro Matteo Salvini, lo so che stai facendo finta di niente, anzi spacci la disfatta per vittoria. Ma io sono stato un leale avversario fin dagli albori, quindi posso permettermi questa missiva aperta, nemico mio. Certo vedere certi post e certe dirette mi fa tenerezza, tipo che vorrei mettere i croccantini o la mousse, se preferisci l’umido. Ma temo sia il tuo guru dei social che ti fa fare queste performance, cacciamolo! Allora, ti sei impiccato da solo e questo è evidente. Io ne sono felice, vabbè, si era capito. Ora perderai il 20,25 per cento dei consensi che ti accreditano i sondaggi, lo sai? E che fai? Non hai un lavoro, non sai fare niente, non hai un seggio da parlamentare europeo, hai perso il posto da ministro, certo stai in Parlamento, ma con la vita che ti eri abituato a fare tempo sei mesi e ti spari nemico mio.  Penso che perderai pure la segreteria della Lega Nord o come si chiama. Quello che non ti perdonerò è di aver plagiato la mente di due miei nipoti, con i miei figli non ci sei riuscito, cazzo. Ma li recupero, fidati. Mi dispiace per tua figlia, ma avrà tempo per riprendersi, basta farla seguire da persone qualificate. In bocca al lupo».
Le reazioni al post di Sanfilippo: dal commento di Salvini alla condanna di Renzi
«Mi dà fastidio il tweet di un giornalista della Rai in cui mi invita al suicidio tirando in ballo mia figlia e dicendo che le servirà un percorso di recupero. Tu, Sanfilippo, giornalista pagato dagli italiani, ma come ti permetti?», ha commentato il leader della Lega, a In Onda su La7. Aggiungendo: «Vergognati schifoso che non sei altro, prendertela con una bambina di sei anni». Il post contro Salvini riceve la condanna anche da parte del Pd, con Matteo Renzi che afferma: «Rabbrividisco quando leggo il post di un giornalista Rai che parla del suicidio di Salvini entro sei mesi e tira in ballo la figlia del leader leghista. C’è un limite di decenza e di rispetto umano che questo giornalista della Rai avrebbe dovuto rispettare».
ndr