Gazzettino Italiano Patagónico
Italian Prime Minister Giuseppe Conte attends the G7 Summit in Biarritz, France, 26 August 2019. The G7 Summit runs from 24 to 26 August in Biarritz. ANSA/PRESIDENZA DEL CONSIGLIO Filippo Attili +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

L’incarico a Conte è fondamentale per il Movimento 5 Stelle

 

  • I pentastellati denunciano la non chiarezza dei dem sul nome del presidente dimissionario
  • Non ci saranno nuovi vertici tra le due forze finché non sarà fatta chiarezza

La frenata che non ti aspetti, con tanto di aut aut che ha il sapore dell’ultimatum. Dopo una lunga serata di trattative in cui non si è arrivati a una quadratura del cerchio, il Movimento 5 Stelle ha diramato una nota in cui si accusa il Partito Democratico di non aver ancora comunicato la propria posizione ufficiale nei confronti di un Conte-2, con l’incarico che i pentastellati vogliono assolutamente affidare al presidente del Consiglio dimissionario. E non ci saranno nuovi incontri fino a che Zingaretti non scioglierà ufficialmente il suo veto e quello di buona parte del Pd. La trattativa, dunque, si è arenata sul paletto Conte-2, con il Movimento 5 Stelle che lancia accuse neanche troppo velata all’ex avversario e ora (forse) alleato: «Rivedremo il Pd quando nei loro organi di partito avranno dato l’ok all’incarico a Conte – si legge nella nota diffusa dal Movimento 5 Stelle -. Nessun altro incontro fino a quando non avranno chiarito ufficialmente la loro posizione su Giuseppe Conte».
O il Conte-2 o salta tutto
E gli stracci (per ora straccetti) iniziano a volare anche nel resto del comunicato pubblicato dai penstastellati in merito a questa trattativa M5S-Pd: «Se si vuole il voto  lo si dica apertamente. Il M5S è la prima forza politica in Parlamento, lo ricordiamo a tutti. In una fase cosi delicata per il Paese non c’è tempo da perdere. Noi stiamo lavorando intensamente per dare risposte immediate ai cittadini. E dobbiamo sbrigarci perché il tempo stringe. Nel partito democratico, però, hanno ancora le idee confuse».
I paletti del M5S e le accuse al Pd
Venti di tempesta? Forse. La nota del Movimento 5 Stelle si conclude con un duro attacco al Partito Democratico, andando anche oltre alla questione Conte-2, ma lanciando alcune accuse che potrebbero rimettere tutto in discussione: «Predicano discontinuità ma ci parlano solo di incarichi e di ministeri, non si è parlato né di temi né di legge di bilancio. Così non va proprio bene. Ieri dopo 4 ore di incontro non si è arrivati a nulla. Così non si può lavorare. O si cambia atteggiamento o è difficile». Che poi è anche quello che ha detto Carlo Calenda.
ndr

Te esperamos en Buenos aires Sur 750, Plottier, Neuquén

📍Buenos Aires 326- Neuquén 📍Alem 853 – Cipolletti 🕢 Horario de atención en Cipo: Lunes a Viernes de 10 a 13 y de 16:30 hasta que no haya más pan! 🕢Horario de atención en Neuquén: Lunes a Viernes de 10 a 14 y de 16 hasta que no haya más pan! Sábados de 10 a 13 únicamente (en los dos locales)

Clases de Italiano con Nino Amato

Junto al Gazzettino GDS radio

Radio En vivo

Seguí al Gazzettino

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
WhatsApp
A %d blogueros les gusta esto: