L’Altra Italia, la nuova federazione di Centro lanciata da Berlusconi

L’Altra Italia, la nuova federazione di Centro lanciata da Berlusconi

3 agosto, 2019 Off By Gazzettino Italiano Patagónico
Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


  • L’appello lanciato da Silvio Berlusconi per convincere gli indecisi e chi non va più a votare
  • La federazione, che strizza l’occhio al Centro moderato, si chiama Altra Italia
  • Un chiaro segnale a Giovanni Toti

Non è un nuovo partito, ma un’altra federazione di chi si sente di rispondere all’appello per un’Altra Italia. Così, dopo l’esperienza del Popolo delle Libertà, Silvio Berlusconi chiama all’adunata strizzando l’occhio al Centro, discostandosi sempre dalla Sinistra ma tenendo aperto un lumicino alla destra, senza però farsi prevaricare. L’ex Cavaliere, dunque, ci riprova spiegando, però, che non si tratta di un nuova nuova formazione politica, ma che Forza Italia ne sarebbe parte integrante. Una mossa per tentare di bloccare l’emorragia elettorale del suo partito che, da qualche anno a questa parte ha perso l’appeal tra i suoi elettori che – in molti casi – hanno abbandonato il percorso intrapreso dallo stesso Silvio Berlusconi nel 1994 (e poi rifondato nel 2013) per abbracciare la Lega di Matteo Salvini che ha nettamente fagocitato i vecchi successi dell’ex Cavaliere. 
L’Altra Italia, la nuova federazione di Centro lanciata da Berlusconi
«Sento il dovere di rivolgermi ancora una volta con un estremo appello all’Italia responsabile, seria, costruttiva, quell’Altra Italia, l’Italia vera, che oggi è pressoché priva di una rappresentanza politica, perché non va a votare o disperde il suo voto – scrive in un appello pubblico Silvio Berlusconi -. Un’Italia che dalla politica si aspetta equilibrio, saggezza, esperienza, competenza, spirito di servizio e non protagonismo. L’Italia che lavora e che apprezza chi sa lavorare. L’Italia che non confonde umanità con buonismo né rigore con cinismo».
Un segnale a Toti?
Una mossa che, dunque, discosta ancora di più le idee future di Berlusconi da quelle di Lega e Fratelli d’Italia, nettamente spostati verso una politica di destra sovranista. E, a quanto si percepisce sia per via dell’appello che delle tempistiche di questo annuncio, anche per metter un freno a Giovanni Toti che anche oggi ha dato un aut aut a Forza Italia affinché siano portate avanti le primarie per decidere la guida del partito.
Pier Bongiovanni


Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •