Kathryn Mayorga ha accusato il calciatore di averla violentata dieci anni fa in una camera d’albergo

Kathryn Mayorga ha accusato il calciatore di averla violentata dieci anni fa in una camera d’albergo

26 mayo, 2019 Off By Gazzettino Italiano Patagónico
Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


  • Cristiano Ronaldo ha sempre respinto le accuse, e i suoi legali non avevano fornito alla controparte il suo indirizzo
  • Dopo otto mesi, i legali della ragazza potranno spedire la citazione in giudizio

Ci sono voluti otto mesi, ma alla fine i legali di  Kathryn Mayorga sono riusciti a trovare l’indirizzo di  Cristiano Ronaldo. Ora il calciatore potrà ricevere la citazione in giudizio per presentarsi in tribunale e rispondere delle accuse di stupro che la ragazza gli muove contro.
Ci sono voluti otto mesi per trovare l’indirizzo di Cristiano Ronaldo per poterlo citare in giudizio
Cristiano Ronaldo ha sempre pubblicamente respinte le accuse mosse da  Kathryn Mayorga, che lo ha accusato di averla violentata all’interno di una camera d’albergo dieci anni fa. I legali della ragazza hanno più volte richiesto a quelli di Cr7 di fornire l’ indirizzo dell’abitazione del calciatore in modo da potergli spedire la citazione in giudizio, che in Italia va appunto recapitata via raccomandata e non di persona come invece è possibile fare in America. E i legali dell’attaccante della Juventus si son sempre rifiutati.
Secondo quanto scritto dal Mirror, è da ottobre che i legali della ragazza sono a caccia dell’abitazione del calciatore, ovvero da quando negli Stati Uniti è stato riaperto il caso sul presunto stupro. I legali di Mayorga avevano già chiesto una proroga al giudice, proprio per l’impossibilità di invidiare la residenza dell’accusato. Dopo  8 mesi di ricerche, la controparte è riuscita a identificare l’indirizzo di Ronaldo, che quindi riceverà la citazione in giudizio e dovrà per forza presentarsi in tribunale.
Gaia Mellone


Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •