Zelensky, il comico diventato presidente

Zelensky, il comico diventato presidente

22 abril, 2019 Off By Gazzettino Italiano Patagónico

La finzione diventa realtà. L’Ucraina – dopo il ballottaggio di domenica 21 aprile – ha scelto il suo nuovo presidente. Si tratta dell’attore comico Volodymyr Zelensky che ha nettamente sconfitto il presidente uscente Petro Poroshenko. I dati del ballottaggio parlano di un vero e proprio plebiscito di uno dei volti più amati dal Paese dell’Est Europa, con oltre il 70% delle preferenze, sancito non solo dagli exit-poll, ma anche dai dati ufficiali dopo che le operazioni di scrutinio sono quasi giunte al termine. La storia del comico diventato presidente sembra essere proprio la trama di una serie tv di cui Zalensky è stato protagonista.

Servitore del popolo.Non si tratta solamente del nome del suo partito, ma anche della fiction di cui era l’attore protagonista quando ha deciso di candidarsi alle elezioni presidenziali in Ucraina. La storia parla di un insegnante di storia, il signor Vasyl Holoborodko, che diventa presidente un po’ per caso. Il tutto è partito da un suo video privato in cui si scaglia contro la corruzione nel suo Paese. Il filmato diventa virale e inizia la sua scalata che poi lo porterà a diventare presidente. Le vicende del professore della serie Tv si intrecciano quasi alla perfezione alla storia che ha portato Zelensky a diventare presidente dell’Ucraina. Ovviamente il tutto parte da due assunti differenti: uno è una persona comune, l’altro un attore comico di successo. Ad unirli, però, è la campagna elettorale che sia nella fiction e sia nella realtà, si è incentrata su temi molto retorici e sulla lotta alla corruzione.

La promessa: «Non vi deluderò»

Chissà se il tutto è stato ispirato dalla trama della serie tv o viceversa. Sta di fatto che Zalensky è riuscito a conquistare il cuore e la testa dei cittadini ucraini che hanno deciso di mettere il potere nelle sue mani, nella speranza di dare una scossa rispetto a quanto accaduto nel recente passato. Lui, non appena sono stati resi noti i risultati degli exit-poll ha detto: «Non vi deluderò». E l’ormai ex comico dovrà dimostrare di essere bravo, soprattutto nella gestione dei rapporti con la Russia.

Enzo Boldi