Sanremo parte con il 49,5% di share in lieve calo rispetto al 2018. Ovazione per i Bocelli

Sanremo parte con il 49,5% di share in lieve calo rispetto al 2018. Ovazione per i Bocelli

6 febrero, 2019 Off By Gazzettino Italiano Patagónico


Buona la prima anche se con un lieve calo rispetto al 2018 per Sanremo che nella serata d’apertura del Festival con la direzione di Claudio Baglioni, è stata seguita su Rai1 da 10 milioni 86 mila telespettatori con il 49.5% di share. In leggero calo rispetto al 2018, quando la prima serata del festival aveva ottenuto in media su Rai1 il 52.1% di share con 11 milioni 603 mila telespettatori. “Siamo molto, molto soddisfatti. Il grande risultato di ascolti premia un ottimo lavoro della Rai per un bellissimo Festival. Andiamo avanti cosi'”. Lo dichiara Fabrizio Salini, amministratore delegato Rai, commentando gli ascolti. La serata Comincia sulle note di “Via”, uno dei suoi brani di maggior successo, il secondo Festival della canzone italiana targato Claudio Baglioni. Il brano anticipa l’ingresso del direttore artistico e dei due “co-piloti” Virginia Raffaele e Claudio Bisio. I tre scendono da un trampolino, che li catapulta al centro del palco dell’Ariston. Sia Bisio sia Baglioni optano per un abito scuro e papillon, ma l’attore osa con una giacca damascata dorata e luccicante. In Armani Virginia Raffaele: abito lungo senza spalline nero con spacco sul davanti su stoffa bianca. E’ subito siparietto, poi un elogio alla musica di Baglioni, quest’anno visibilmente a suo agio: “Ci dirigiamo verso la meta dell’armonia – dice, dando il benvenuto al pubblico-, l’armonia è il senso di questo evento, è il principio fondamentale della musica”. Un ripasso al regolamento, con la Raffaele- veterana dell’Ariston, ma al debutto da conduttrice- che esorcizza il fantasma degli errori con la prima papera, salutata con simpatia da Baglioni e Bisio. Si entra quindi nel vivo della gara. Apre Francesco Renga con il brano “Aspetto che torni”, poi è la volta di Nino D’Angelo e Livio Cori con “Un’altra luce”. Terzo big è Nek, che torna sul palco con “Mi farò trovare pronto”. Tocca quindi al primo gruppo della serata, The Zen Circus cantano “L’amore è una dittatura”. Le prime file dell’Ariston quest’anno sono semoventi: si allargano, creando nuovo spazio per la scena. Lo sfruttano gli artisti, che scendono a cantare davanti al pubblico, ma anche gli ‘sbandieratori’ che accompagnano l’esibizione degli Zen Circus: quattro uomini in casco e abito militare, due con le bandiere nere su cui spiccano degli emoticon, e due con i tamburi. Ed è “Musica che resta” il brano portato in gara da Il Volo. “Cosa ti aspetti da me” è invece la canzone di Loredana Bertè dai capelli blu elettrico.

ndr