#curiamolitutti: LAV organizza il primo banco farmaceutico veterinario

#curiamolitutti: LAV organizza il primo banco farmaceutico veterinario

26 noviembre, 2018 Off By Gazzettino Italiano Patagónico
Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

La formula è la stessa del tradizionale banco farmaceutico: raccogliere medicinali per donarli a chi, in difficoltà economiche, non riesce ad acquistarli. Ma i beneficiari questa volta sono i 4 zampe, sia le migliaia di animali dei canili, sia quelli che vivono in famiglia.

In quali piazze sarà effettuata la raccolta

Il primo banco farmaceutico veterinario è organizzato dalla Lav, che ha anche lanciato l’hashtag #curiamolitutti per sensibilizzare le persone sugli alti costi dei farmaci veterinari. L’iniziativa, inoltre, è patrocinata dal Ministero della Salute e dalla Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani (FNOVI). Da sabato 8 a domenica 16 dicembre i volontari saranno presenti nelle piazze, nei centri commerciali, in prossimità o all’interno di farmacie e parafarmacie per raccogliere prodotti farmaceutici veterinari che saranno donati a persone bisognose, ai gestori delle colonie feline e ai rifugi in difficoltà

Come contribuire

Chi volesse contribuire può farlo con una donazione o, in alternativa, acquistando direttamente i farmaci. I prodotti raccolti sono antiparassitari esterni e interni, collarini antiparassitari, prodotti otologici, prodotti oftalmici, prodotti dermatologici di supporto alle terapie antibiotiche e integratori. Ma è anche possibile donare i farmaci veterinari inutilizzati. In questo caso le medicine dovranno essere conservate nella loro confezione originale integra ed avere almeno 8 mesi di validità. Saranno raccolti tutti i farmaci, con l’esclusione però delle medicine che richiedono la conservazione a temperatura controllata, quelle ospedaliere di fascia H e quelle appartenenti alla categoria delle sostanze psicotrope e stupefacenti.

Filomena Massari


Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •