Lombardia nuova Terra dei Fuochi: altro incendio in impianti per rifiuti

Lombardia nuova Terra dei Fuochi: altro incendio in impianti per rifiuti

15 octubre, 2018 Off By Gazzettino Italiano Patagónico
Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

La notte tra domenica 14 e lunedì 15 ottobre a Milano, in zona Bovisasca, è scoppiato un furioso incendio di origine probabilmente dolosa nell’impianto di smaltimento rifiuti plastici della ditta Ipb srl, azienda che si occupa di “stoccaggio rifiuti e lavorazione inerti”, in via Chiasserini 21. Il rogo è scoppiato alle 20.30 circa, in un’area densamente abitata. I testimoni raccontano di aver sentito una serie di esplosioni, poi di aver visto alzarsi le fiamme e una colonna di fumo nero altissima. Sembrerebbe, quindi, che il rogo sia stato innescato molto velocemente in vari punti del deposito e il sospetto che si tratti di un rogo doloso è fondato. Al momento dell’incendio la ditta era chiusa e sulle origini del rogo indaga la squadra Mobile di Milano. I Vigili del fuoco sono intervenuti tempestivamente con 13 mezzi, ma hanno incontrato molte difficoltà a causa dell’alta temperatura e un pompiere è rimasto leggermente ferito. L’alta colonna di fumo era visibile da molti punti della città, anche a chilometri di distanza. I residenti sono stati invitati a non aprire le finestre. Nelle vicinanze c’è un parcheggio di pulmini per il trasporto disabili e alcuni mezzi sono rimasti danneggiati. I tecnici dell’Arpa hanno per ora escluso rischi per la salute, ma le indagini ora dovranno appurare la tipologia dei materiali bruciati nel capannone e capire se c’erano rifiuti pericolosi. È stata bloccata la circolazione dei treni del passante ferroviario che passano vicino al capannone.

Il dilagare delle ecomafie

È l’incendio numero 17 in Lombardia dall’inizio del 2018 in impianti che trattano immondizia. I roghi sono diventati più frequenti dopo che la Cina ha ridotto l’importazione di rifiuti plastici. La mano di ‘ndrangheta e criminalità organizzata è sempre più evidente. Appena pochi giorni fa, le indagini dei carabinieri della Forestale hanno portato all’arresto di sei persone per l’incendio di Corteolona (PV) dello scorso 3 gennaio.

Luca Serafini


Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •