Gazzettino Italiano Patagónico
May 21, 2017 - London, United Kingdom - Chelsea's John Terry applauds the fans during the Premier League match at Stamford Bridge Stadium, London. Picture date: May 18th, 2017. Pic credit should read: David Klein/Sportimage(Credit Image: © David Klein/Sportimage/Cal Sport Media)

Il Chelsea educa i tifosi razzisti portandoli a riflettere ad Auschwitz  

 

Mentre in Italia le società di calcio fanno ricorso – e vengono doppiamente punite – contro le squalifiche delle loro curve per episodi razzisti, dall’Inghilterra arriva una lezione di moralità. Protagonista di questa storia di «riflessione» è il Chelsea di Roman Abramovic. La squadra londinese, infatti, ha deciso di «punire» i propri tifosi – rei di alcuni comportamenti razzisti, tra cui cori discriminatori allo stadio durante le partite – portandoli ad Auschwitz. Varcando quel cancello con su scritto «Arbeit macht frei», la speranza del club londinese è quella di far aprire la mente di quei tifosi condannati per episodi di razzismo durante gli incontri della Premier League. A proporre questa iniziativa è stato proprio il proprietario del Chelsea Roman Abramovic, che ora vive in Israele ed è di origini ebree. Una scelta che va ben oltre la semplice punizione dell’allontanamento dallo stadio e che punta a educare i tifosi che si macchiano di razzismo. «Il comportamento dei razzisti – ha sottolineato il presidente del Chelsea Bruce Buck – non cambia se neghi l’accesso nello stadio, ma se a questi signori fai vedere un campo di concentramento con i loro occhi, allora la prospettiva potrebbe mutare». I tifosi dei Blues sono stati spesso protagonisti di episodi e cori razzisti nel corso delle partite. In special modo durante il derby di Londra con il Tottenham, squadra con un’identità ebraica storicamente ben marcata.

Il divario tra Chelsea e Juventus

L’atteggiamento del Chelsea nei confronti dei razzisti dovrebbe far riflettere molte società in Europa e in Italia, che troppo spesso difendono i propri tifosi per mantenere alta la propria reputazione tra i propri supporters. Come capitato alla Juventus qualche giorno fa che, invece di condannare i cori razzisti contro il calciatore del Napoli Kalidou Koulibaly, hanno presentato ricorso contro la squalifica per un turno della curva bianconera. Richiesta rigettata e pena raddoppiata.

Te esperamos en Buenos aires Sur 750, Plottier, Neuquén

📍Buenos Aires 326- Neuquén 📍Alem 853 – Cipolletti 🕢 Horario de atención en Cipo: Lunes a Viernes de 10 a 13 y de 16:30 hasta que no haya más pan! 🕢Horario de atención en Neuquén: Lunes a Viernes de 10 a 14 y de 16 hasta que no haya más pan! Sábados de 10 a 13 únicamente (en los dos locales)

Clases de Italiano con Nino Amato

Junto al Gazzettino GDS radio

Radio En vivo

Seguí al Gazzettino

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
RSS
WhatsApp
A %d blogueros les gusta esto: