Grottaglie, Città Europea dello Sport 2020. Lupattelli (Aces): “Esempio di collaborazione tra istituzioni”

Grottaglie, Città Europea dello Sport 2020. Lupattelli (Aces): “Esempio di collaborazione tra istituzioni”

9 octubre, 2018 Off By Gazzettino Italiano Patagónico
Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Grottaglie è stata nominata ufficialmente “Città europea dello Sport 2020”. E’ questa la decisione della Aces Europe, associazione che raggruppa le capitali e le città europee dello sport, dopo la selezione sulle sette città italiane che si erano candidate al titolo. La notizia è stata comunicata dal Comune di Grottaglie, rappresentato dall’assessore comunale allo sport Vincenzo Quaranta. Nella motivazione, i commissari Aces dichiarano che hanno “l’onore di insignire Grottaglie Città europea dello sport 2020. Congratulazioni per il premio – scrivono – perché la vostra città è un concreto e ottimo esempio di sport, per tutti gli strumenti di benessere, integrazione, educazione e rispetto, che rappresentano i principali obiettivi di Aces Europe”. “Siamo orgogliosi e soddisfatti per il titolo ricevuto – dichiara l’assessore Vincenzo Quaranta -. Questa non rappresenta una vittoria esclusiva dell’amministrazione comunale, ma soprattutto della comunità sportiva della città. Essere Città europea dello sport – ha aggiunto Quaranta – significa, per noi, affacciarci al panorama europeo e permettere alla città e al mondo sportivo locale di crescere e raggiungere livelli significativi, nel campo dell’impiantistica, della pratica dello sport e dell’inclusione sociale, con un particolare riguardo alle pratiche sportive paralimpiche”. L’organizzazione di Grottaglie e la sua offerta di sport per la città, era stata sottoposta al vaglio dei commissari di ACES secondo parametri basati su uno standard europeo che fa sintesi tra benessere fisico ed impatto sociale sui territori. “Grottaglie – spiega il presidente di Aces Italia, Vincenzo Lupattelli – ha risposto con un punteggio alto ai criteri fissati dalla nostra organizzazione europea per l’ottenimento del riconoscimento mettendo in evidenza un rapporto popolazione-strutture sportive oltre la media e una efficace politica per la mobilità dolce degli anziani. Dall’esame del dossier presentato per la candidatura – ha aggiunto Lupattelli – è risultata una apprezzabile sinergia tra enti di promozione sportiva e istituzioni”.


Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •