Lampadine alogene, da settembre scatta il bando

Lampadine alogene, da settembre scatta il bando

7 septiembre, 2018 Off By Gazzettino Italiano Patagónico
Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

I paesi dell’Unione Europea dicono addio alle lampadine alogene: dal primo settembre, infatti, è scattato il bando previsto dalla normativa europea 244/2009. La normativa sarebbe dovuta entrare in vigore già lo scorso anno ma era stata posticipata al fine di consentire una maggiore diffusione delle lampadine LED. Nel 2012, sempre per questioni di efficienza energetica, erano state le lampadine a incandescenza ad essere messe fuori dal mercato.

Ecco cosa cambia

Non tutte le lampadine alogene saranno messe al bando: continueranno a venire commercializzate le lampade alogene direzionali, vale a dire i faretti, e le lampade alogene con attacco G9 e R7S, ovvero quelle impiegate per i proiettori e per le lampade da tavolo. Addio, invece, alle lampade non direzionali senza trasformatore con efficienza energetica inferiore alla classe B, vale a dire le classiche lampadine a forma di pera.

Risparmio per ambiente e cittadini

Rispetto alle lampadine LED le alogene consumano 5 volte tanto.

Secondo ENEA – l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile – sostituire una lampadina alogena con una a LED fa risparmiare 115 Euro nel corso della vita della lampada, circa 20 anni, e la spesa iniziale per la sostituzione viene ammortizzata nel giro di un solo anno. Sempre secondo le stime di ENEA, il passaggio dalla lampadine alogene a quelle LED consentirà in tutti i Paesi dell’Unione Europea un risparmio annuo di 48 terawattora, vale a dire quanto il consumo di energia annuale del Portogallo.


Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •