Stop alle uccisioni, sì alla sterilizzazione: Roma combatte così i topi

Stop alle uccisioni, sì alla sterilizzazione: Roma combatte così i topi

4 septiembre, 2018 Off By Gazzettino Italiano Patagónico
Condividere buone notizie è amore
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Sono dieci milioni i topi che abitano le strade della Capitale. Un numero impressionate – e sempre in continua crescita – che i precedenti piani di derattizzazione non sono riusciti a far calare. Così, la proposta avanzata da Edgar Meyer, responsabile del benessere animale nell’assessorato all’Ambiente del Campidoglio, sembra l’ultima soluzione ancora da provare: basta uccidere i topi, bisogna sterilizzarli.

Ecco come si farà

Il piano – già messo in atto da alcuni comuni del Nord per contenere la popolazione delle nutrie – seguirà un protocollo ben preciso: gli animali non saranno catturati e operati ma saranno sterilizzati chimicamente. In pratica, verranno sparse a terra delle pastiglie che, una volta ingerite dai topi, li renderanno infertili. Nessun problema per cani e gatti – rassicurano dal Campidoglio – dal momento che queste pastiglie hanno un sapore attrattivo per i ratti ma disgustoso per gli altri animali.

Il plauso degli animalisti

La proposta, che se dovesse venir attuata rappresenterebbe un importante precedente nella gestione della popolazione dei ratti che abitano le metropoli, è stata accolta con grande favore dell’Ente Nazionale Protezione Animali. «Il metodo individuato da Meyer manifesta un giusto approccio alla situazione della Capitale, approccio che siamo sicuri potrà essere d’esempio per altre realtà – ha spiegato ENPA -. Oltre a promuovere sinergie con il mondo scientifico questo nuovo metodo attinge a strategie innovative e a basso impatto per l’uomo, per l’ambiente, per gli animali. Naturalmente, l’Ente Nazionale Protezione Animali offre una piena disponibilità a collaborare al piano».


Condividere buone notizie è amore
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •