La paura di nuove guerre spinge Kim Joung-un all’armamento nucleare

La paura di nuove guerre spinge Kim Joung-un all’armamento nucleare

28 julio, 2020 Off By Gazzettino Italiano Patagónico
Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  


Il leader della Corea del Nord Kim Jong Un ha annunciato che il suo Paese – e il resto del mondo – non avranno mai più bisogno di combattere guerre perché il suo arsenale nucleare garantisce completa sicurezza. Le parole di Kim sono state riportate dall’agenzia di stampa di stato nordcoreana, uno degli strumenti principali della macchina propagandistica del regime monopartitico di Pyongyang. «Grazie al nostro deterrente nucleare affidabile ed efficace, non ci saranno più guerre su questo pianeta, e il la sicurezza del nostro Paese e il suo futuro sono garantiti per sempre», ha detto Kim in un discorso riportato dalla KCNA il 28 luglio. Parlando ad un gruppi di veterani in occasione del 67esimo anniversario dell’armistizio che ha segnato la fine della Guerra di Corea il 27 luglio, Kim ha assicurato che le armi nucleari permetteranno alla Corea del Nord di difendersi contro le minacce degli imperialisti e di altre forze ostili. Per decenni, la Corea del Nord ha spiegato la sua “corsa agli armamenti nucleari” come una strategia puramente difensiva per creare un deterrente verso i possibili tentativi stranieri di rovesciare il regime autoritario del partito del lavoro di Corea. Secondo diversi esperti di diplomazia, però, le armi nucleari rendono il regime di Kim più ostile e bellicoso. Al di là del motivo per il quale il Paese le possiede, l’annuncio del leader nordcoreano è emblematico delle scarse probabilità future di ottenere un accordo internazionale in cui Pyongyang rinuncia al suo programma nucleare. L’annuncio è arrivato durante una delle festività più importanti per la Corea del Nord: l’anniversario del “vittoria del popolo coreano nella guerra di liberazione della madrepatria”, ovvero il nome cui il regime si riferisce alla Guerra di Corea del 1950.
Marta Colombo


Condividere buone notizie è amore
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •